Nel dicembre 2014, a seguito di una selezione tenuta da Antonio Biasiucci, ha preso forma il gruppo della seconda edizione del suo Laboratorio irregolare. Ogni allievo-fotografo è stato guidato per due anni e mezzo a realizzare la ricerca di una visione fotografica personale.

L’artista ha condiviso con i partecipanti la sua esperienza, creando le basi per un loro sviluppo professionale nel mondo della fotografia: «Metto a disposizione le mie conoscenze, affinché sia dato spazio e possibilità ad altri di fare buona fotografia attraverso un Laboratorio ispirato ad Antonio Neiwiller, protagonista negli anni Ottanta della scena teatrale italiana e scomparso prematuramente venti anni fa. Ho migliorato il mio modo di lavorare assistendo per anni ai laboratori di Neiwiller e applicando i suoi metodi teatrali alla fotografia».

Il risultato del percorso di ricerca viene presentato, alla fine di ogni ciclo, in un luogo emblematico della città; nel 2014 la mostra è stata allestita presso la sala delle prigioni del Castel dell’Ovo, quest’anno è realizzata, nell’ambito delle attività del Napoli Teatro Festival Italia, allo SMAAVE (centro per l'arte contemporanea) presso la chiesa di Santa Maria della Misericordia ai Vergini, Via Fuori Porta S. Gennaro, 15,  con le opere di Pasquale Autiero, Ciro Battiloro, Valentina De Rosa, Maurizio Esposito, Ivana Fabbricino, Vincenzo Pagliuca, Valerio Polici, Vincenzo Russo.

EPIFANIE 

LABORATORIO IRREGOLARE O2

Mostra a cura di Antonio Biasiucci
SMMAVE, centro per l'arte contemporanea

Chiesa Santa Maria della Misericordia ai Vergini, Napoli
Dal 7 giugno al 10 luglio 2017