LABORATORIO IRREGOLARE

Il "LAB\per un laboratorio irregolare" è un laboratorio a cura di Antonio Biasiucci, arrivato alla terza edizione e nato in modo spontaneo nell'ottobre 2012 dall’incontro dell'artista con un gruppo di giovani fotografi. 

 

Per circa due anni, a cadenza bisettimanale, Biasiucci segue gratuitamente 8 ragazzi nel loro percorso artistico, guidando ognuno nella produzione di un progetto di ricerca personale e di una mostra collettiva. Ogni passaggio di questo percorso, dalla creazione del progetto, alla realizzazione di un portfolio, all’allestimento e all’organizzazione della mostra, fino alla stampa del catalogo, rientra nell’attività del laboratorio. L’esperienza nasce dall’esigenza di creare un percorso per giovani artisti. 

L’idea di Antonio Biasiucci è di trasmettere un metodo che eserciti ad una costante azione critica sul proprio lavoro. “Il laboratorio – scrive Leo De Berardinis citando Antonio Neiwiller, amico e ispiratore di Biasiucci - è lo stimolo a solleticare le corde interne del pensiero e dell’emozione, affinché diventino delle epifanie pure e scarnificate”. Un laboratorio ha significato solo per il valore di approfondimento che rappresenta: in questo senso, la guida di Biasiucci nei confronti dei partecipanti al laboratorio esula completamente dal mero contenuto tecnico, per sollecitare diversi percorsi personali di ricerca visiva e definire quali siano le immagini guida in cui i ragazzi possano riconoscersi, al di là del puro espediente. Il laboratorio spinge a guardarsi dentro e dall’approfondimento generato da questo sguardo emergono differenti punti di vista e linguaggi. Chi si guarda dentro, infatti, non può che produrre diversità. Progetti eterogenei, ma guidati da un unico metodo.

 

“LAB\per un laboratorio irregolare” è anche un'associazione culturale senza scopo di lucro, a cui aderiscono - insieme a Biasiucci - i partecipanti delle varie edizioni dei laboratori, che promuove o supporta progetti e attività culturali e sociali all'interno della diffusione della fotografia di ricerca a Napoli e non solo. Negli anni si sono create sinergie con diverse associazioni e realtà da cui sono nati vari progetti, tra cui “OpenHeArt” in collaborazione con il Museo Archeologico di Napoli, il Polo museale della Campania e Villa Pignatelli – Casa della fotografia, le associazioni AZTeCA, Pianoterra Onlus, Occhi Aperti, Incontri internazionali d’Arte e il Dipartimento di Scienze Politiche e della Comunicazione.

Lab\03
press to zoom
Antonio Biasiucci
press to zoom
Antonio Biasiucci
press to zoom
Lab\03
press to zoom
Antonio Biasiucci
press to zoom
Lab\03
press to zoom
press to zoom
Lab\03
press to zoom
1/5

ANTONIO BIASIUCCI

Antonio Biasiucci nasce a Dragoni (Caserta) nel 1961. Nel 1980 si trasferisce a Napoli, dove avvia un progetto sugli spazi delle periferie urbane sviluppando la ricerca sulla memoria personale, fotografando riti, ambienti e persone del suo paese natale. Nel 1984 inizia una collaborazione con l'Osservatorio Vesuviano, intraprendendo un ampio progetto sui vulcani attivi in ​​Italia.

 

Nel 1987 conosce Antonio Neiwiller, attore e regista teatrale: i due collaborano fino alla morte di Neiwiller nel 1993. La sua ricerca si radica nella cultura dell'Italia meridionale e si è sviluppata, negli anni più recenti, in un viaggio attraverso gli elementi primari dell'esistenza. Ha ricevuto numerosi riconoscimenti, tra cui, nel 1992, il premio “European Kodak Panorama” ad Arles; nel 2005 i “Kraszna / Krausz Photography Book Awards”, per la pubblicazione del suo libro Res. Lo stato delle cose (2004) e, nello stesso anno, il “Premio Bastianelli”. Il suo lavoro di lui è stato esposto numerose volte in mostre personali e collettive, in festival e fiere nazionali e internazionali. Ha collaborato a diversi progetti editoriali, come quelli per la casa editrice napoletana L'Ancora del Mediterraneo (dal 2000 al 2004).

 

Inoltre, ha preso parte a notevoli iniziative culturali di carattere sociale. Molte delle sue opere da lui sono state acquisite da musei e altre istituzioni nell'ambito delle loro collezioni permanenti, in Italia e all'estero: Istituto Nazionale per la Grafica, Roma; MAXXI, Roma; PAN Palazzo delle Arti, Napoli;

MADRE - Museo d'Arte Contemporanea Donna Regina, Napoli; Metropolitana di Napoli; Galleria Civica di Modena; Museo di Fotografia Contemporanea Villa Ghirlanda, Cinisello Balsamo (Milano); Fondazione Sandretto Re Rebaudengo per l'Arte Contemporanea, Guarene (Cuneo); Fondazione Banco di Napoli; Collezione Banca Unicredit, Bologna; Bibliothèque nationale de France, Parigi; Maison Européenne de la Photographie, Parigi; Château d'Eau, Tolosa; Musée de l'Elysée, Losanna; Centre de la Photographie, Ginevra; Fondazione Banca del Gottardo, Lugano; Centre Méditerranéen de la Photographie, Bastia; Galerie Freihausgasse, Villach (Austria); Departamento de investigación and documentación de la Cultura Audiovisual, Puebla (Messico); Mart, Rovereto.